News ITA

Dagli Usa all’Italia, la consulenza su risparmi e investimenti arriva via web grazie alla videoconferenza. Le esperienze della Bank of America e della BCC di Pontassieve.

Quando si tratta di investire i propri risparmi in fondi e altri prodotti finanziari, il faidate non è una soluzione per tutti. Se Internet permette oggi di investire online e di spostare con pochi clic grandi somme di denaro, per la maggior parte dei risparmiatori la guida di un esperto è sempre necessaria. Valutare rischi e opportunità di un investimento e stimare la possibile rendita a breve o lungo termine richiede infatti conoscenza del settore e capacità di analisi.

La svolta della Bank of America

Oggi, grazie alla videoconferenza, il consulente può arrivare in un istante a casa nostra senza bisogno di recarsi in banca. Da oltre un anno la Bank of America permette ai suoi clienti di incontrarsi con i suoi esperti via web tramite una video call. Il servizio è pensato soprattutto per i privati che vogliono far fruttare i loro risparmi, per le piccole e medie imprese e quanti vogliono contrarre un mutuo. Sono circa 500 le filiali della Bank of America che si sono dotate di sistemi di conference call per assistere i clienti ovunque si trovino.

Consulenze in alta definizione

“Il comportamento dei clienti nei confronti della tecnologia sta cambiando. Transazioni e servizi migrano verso altri canali, ma i risparmiatori preferiscono ancora acquistare i prodotti finanziari con l’aiuto di un consulente. In molti casi è infatti necessario un esperto che spieghi nel dettaglio vantaggi e rischi di un certo investimento”, spiega Tyler Johnson, vicepresidente di Bank of America. I dati lo confermano: otre l’85% dei prodotti finanziari della Bank of America è venduto ai clienti che si recano in sede. Resta però il fatto che in alcune località la domanda di certi prodotti non è abbastanza alta da rendere conveniente la presenza di uno specialista negli uffici per parlare faccia a faccia con i risparmiatori. Per le operazioni finanziarie meno complesse, la Bank of America offre quindi la possibilità di connettersi da remoto tramite una videoconferenza in alta risoluzione.

Il progetto pilota

L’istituto di credito americano ha installato sistemi di video conference in circa il 10% delle sue filiali al termine di un progetto pilota di due anni. I primi test si sono svolti a New York, nel New Jersey e in Pennsylvania per agevolare gli incontri dei clienti con esperti di mutui e consulenti finanziari. Valutati i buoni risultati, il management ha deciso di adottare la videoconferenza.

Italia: la BCC di Pontassieve inaugura “Punto banca”

Anche in Italia, l’universo bancario ha compreso che i servizi forniti in video conferenza possono essere una risorsa strategica. L’hanno capito in fretta alla Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve, che ha inaugurato da qualche giorno “Punto in banca”. In tre località della Valdisieve – Contea, Londa e Santa Brigida – dal lunedì al venerdì è a disposizione dei clienti un consulente collegato in videoconferenza per svolgere le normali operazioni bancarie, ma anche per consigliare chi decide di investire.

Come funziona il servizio

Gli utenti potranno recarsi al “Punto banca” e sottoscrivere documenti, ritirare libretti di assegni, carte bancomat e di credito, con lo stesso orario di apertura delle filiali, in maniera semplice e veloce grazie alla presenza del consulente in videoconferenza. In un certo senso, è come se la banca avesse aperto nuove filiali a costi ridotti, andando incontro agli utenti. Anche quelli dei centri più piccoli, mantenendo così il territorio vivo. “E’ un servizio davvero innovativo: basterà suonare un campanello e subito apparirà un consulente in un ambiente insonorizzato e riservato. Il servizio è disponibile negli stessi orari di apertura delle agenzie tradizionali”, spiega Francesco Faraoni, Direttore Generale della BCC. “Per aiutare gli utenti per un mese sarà anche a disposizione un’hostess che spiegherà ancora meglio come funziona il servizio”.

Sicurezza e qualità

La diffusione della videoconferenza in un mondo per tradizione diffidente di fronte alle innovazioni come quello bancario, dimostra che i servizi professionali hanno ormai raggiunto un alto livello di sicurezza e di qualità. Per questo è oggi possibile trattare da remoto anche questioni delicate, come le decisioni sui propri risparmi.


Conosci il nostro servizio di videoconferenza H.323 in cloud JOINELITE?

Puoi provarlo subito e gratis da qualsiasi sistema di videoconferenza H.323 o SIP (Lifesize, Polycom, Cisco, Avaya, Huawei, etc.) oppure da pc, tablet e smartphone.

Con il servizio in cloud non occorre più acquistare una MCU per le multi-videoconferenze.

29 settembre 2015
videoconferenza-sportello-bancario-virtuale

Banche e videoconferenza: lo sportello diventa virtuale

Dagli Usa all’Italia, la consulenza su risparmi e investimenti arriva via web grazie alla videoconferenza. Le esperienze della Bank of America e della BCC di Pontassieve. […]
23 settembre 2015
cloud computing

La videoconferenza in cloud crescerà ad un CAGR del 39% fino al 2019

Grazie alla videoconferenza in cloud o “videoconferencing-as-a-service” (VCaaS) le aziende possono beneficiare dei servizi di videoconferenza HD senza fare grossi investimenti in hardware, infrastruttura o rete. […]
21 settembre 2015
skype blackout

Blackout di Skype in tutto il mondo

Da questa mattina si segnala un blackout di Skype in tutto il mondo. L’ultimo blackout totale di Skype risale al 2010 a causa di un guasto […]
16 settembre 2015
videoconferenza-medici-telemedicina

Videoconferenza: tre settori che trainano la crescita

Sanità, istruzione e industria alberghiera protagoniste del boom della collaborazione a distanza. Sempre più imprese scelgono la videoconferenza per migliorare le relazioni con i clienti e […]
11 settembre 2015
videoconferenza-consulente-finanziario

Consulenti finanziari: come rafforzare le relazioni con i clienti grazie alla videoconferenza

I servizi di videoconferenza professionale possono contribuire a costruire solide relazioni, a patto di saperli utilizzare al meglio. Alcuni consigli per ottenere il massimo dai meeting […]
7 settembre 2015
telepresence-room

La domanda di hardware e software per la videoconferenza

La domanda di sistemi di videoconferenza è notevolmente cresciuta, con le vendite mondiali aumentate del 15,8 per cento nel 2014. Una ricerca IDC riferisce che rispetto […]
//]]>