La videoconferenza riduce lo stress dei bambini ospedalizzati

Agosto 2014 – Secondo un recente studio svolto negli USA, la possibilità di comunicare in videoconferenza con la famiglia e gli amici può alleviare lo stress a cui sono sottoposti i bambini ospedalizzati. Le “visite virtuali” in videoconferenza sembrano aiutare i bambini che sono stati ricoverati in ospedale per un breve periodo di tempo, circa cinque giorni.

Prima di iniziare la ricerca, il servizio di videoconferenza è stato utilizzato presso la University of California Davis Children’s Hospital a Sacramento e ha ricevuto i feedback positivi sulla riduzione dello stress e di altri sintomi mentali tra i bambini. I ricercatori hanno dato accesso al servizio di videoconferenza a 232 bambini che dovevano rimanere in ospedale per almeno quattro giorni. La ricerca ha anche incluso 135 bambini che non hanno invece utilizzato la videoconferenza. Ogni famiglia ha compilato due questionari, uno nei primi giorni di ricovero del bambino e l’altro entro due giorni dalla sua dimissione. I questionari avevano lo scopo di misurare lo stress e includevano le domande sul comportamento del bambino, le sue emozioni e l’aspetto. Tutti i livelli di stress tra i bambini si sono diminuiti dopo l’uso della videoconferenza. Tra i bambini che vivevano a circa di 35 miglia dall’ospedale e sono stati ricoverati in ospedale per circa cinque giorni, i livelli di stress si sono diminuiti del 37 per cento nel gruppo che usava la videoconferenza rispetto al gruppo che non la usava.

Quasi tutti gli utenti della videoconferenza erano soddisfatti del servizio, e il 71 per cento dei genitori ha detto che le videoconferenze hanno aiutato i bambini a rimanere in contatto con i loro familiari e gli amici più del solito.I servizi di videoconferenza ospedalieri possono essere combinati con le visite dei familiari di persona. Anche se è consentito alle famiglie di rimanere in ospedale con i loro bambini, ci sono difficoltà se le famiglie hanno altri figli a casa o non sono finanziariamente in grado di sospendere il lavoro. Inoltre, mentre i genitori generalmente fanno frequenti visite di persona, gli amici, che non potrebbero altrimenti far visita, possono utilizzare la videoconferenza.

Le visite di persona aiutano i pazienti a riprendersi, e le “visite virtuali” possono essere altrettanto utili, secondo la ricerca. I livelli di stress ridotti, a loro volta, portano a guarigioni più rapide. Anche se molti bambini hanno i cellulari e possono comunicare con le loro famiglie e i loro amici su Skype o FaceTime, le opzioni di videoconferenza sono altrettanto importanti. Gli ospedali, inoltre, utilizzano le webcam per dare la possibilità ai genitori di vedere i loro bambini nelle unità di terapia intensiva neonatale; l’idea ha avuto molto successo. Anche altri gruppi di pazienti, soprattutto lungo-degenti, potrebbero trarre benefici dall’uso della videoconferenza negli ospedali.

Conosci già il servizio di videoconferenza in cloud JOINVIDEO ?

//]]>